Quaderni RSA

Il Centro Agricolo Sperimentale della Facoltà di Agraria di Firenze

Ilvo Capecchi

Precedenti storici, attualità e prospettive attraverso l'opera dei suoi Protagonisti

Accademia dei Georgofili
Pagine: 128

scarica parte 1: pg. 1-57
scarica parte 2: pg. 58-98
scarica parte 3: pg. 99-133

Premessa 5

Cap. I, Un 'azienda sperimentale sorge nella fattoria «Monna Giovanne Ila» 7
1- Una Scuola Agraria Sperimentale considerata da Arrigo Serpieri indispensabile per creare nuovi tecnici agricoli qualificati 7
2 - L'Azienda Agraria Sperimentale «Monna Giovannella» ritenuta idonea per l'Istituto Superiore Agrario e Fore¬stale. Individuati i «cinque protagonisti originari» » 9
3 - Serpieri è il Primo Direttore dell'Azienda Sperimentale «Monna Giovannella» 11

Cap. II - La gestione dell'azienda vincolata dai contenuti giuridici della convenzione 15
1 - Contrasti tra le obbligate finalità operative dell'azienda ed il tipo di impresa mezzadrile della fattoria 15
2 - Regolamento interno dell'Azienda Sperimentale predisposto da Serpieri 18
3 - La gestione affidata a due enti pubblici, per attuare un fine pubblico, attinge a mezzi finanziari di provenienza privata 21

Cap. IlI - Le attività economico-aziendali e quelle didattico- sperimentali svolte durante la prima convenzione 27
1 - L'attività economico-aziendale rilevata dalla contabilità della fattoria 27
2 - Significato che si deve attribuire al «reddito» ottenuto da una gestione caratteristica 31
3 - Miglioramenti apportati ai fabbricati, agli impianti di trasformazione ed ai macchinari 32
4 - Attività didattica e sperimentale 35

Cap. IV - Le attività economico-aziendali e quelle didattico- sperimentali svolte durante la seconda convenzione 39
1 - Aspetti particolari riscontrati nella seconda convenzione 39
2 - L'attività economico-aziendale 41
3 - L'attività didattica e sperimentale 46
4 - I risultati emersi nell'ultimo triennio (1976/1979) obbligano ora a fare una scelta precisa: restituire l'azienda alla Camera di Commercio oppure trasformarla per renderla efficiente 51

Cap. V - La terza convenzione nasce condizionata dal preciso impegno di apportare radicali trasformazioni alla struttura economico-finanziaria dell'azienda 53
1 - Le trasformazioni auspicate iniziano con un provvedimento
di carattere eccezionale: viene nominato il nuovo direttore dell'azienda nella persona del prof. Ilvo Capecchi 53
2 - La nuova direzione assegnata al prof. Capecchi è chiamata ad evidenziare le cause che hanno originato risultati così negativi 55
3 - Alla direzione spetta l'oneroso compito di suggerire eventuali appropriate innovazioni 57
4 - Il prof. Capecchi propone di esaminare la possibilità di modificare la struttura giuridica dell'azienda 61

Cap. VI - Il Centro Agricolo Sperimentale sostituisce l'originaria Azienda Agricola Sperimentale voluta da Serpieri 65
1 - Il nuovo ente diviene un'unità amministrativa dell'Università di Firenze che il direttore Capecchi propone di denominare «CENTRO AGRICOLO SPERIMENTALE» » 65
2 - La gestione del Centro, sorto dalle trasformazioni radi¬cali apportate all'azienda sperimentale, è tornata ad es¬sere quella di un organismo efficiente 67

Cap. VII - Sintesi operativa svolta da due strutture diverse che hanno offerto alla Facoltà di Agraria un valido supporto alla didattica ed alla ricerca agricola 71
1- L'Azienda Agricola Sperimentale voluta da Serpieri durante la gestione della prima convenzione trentennale. Individuati i Cinque Protagonisti Originari 71
2 - La gestione durante la seconda convenzione quindicennale 73
3 - La gestione relativa al triennio 1976/1979, periodo che intercorre tra la seconda e la terza convenzione. I risultati si presentano sistematicamente disastrosi 74
4 - Il Comitato Direttivo dell'azienda il 4 dicembre 1979 nomina il nuovo direttore di «Monna Giovannella» nella persona del prof. Ilvo Capecchi 74
5 - Le convinzioni di Capecchi, basate su precise documentazioni contabili, si sono potute realizzare in quanto sono state condivise dai vertici dell'Università, divenendo così preziosi protagonisti continuatori che hanno consentito di far sopravvivere l'iniziativa di Serpieri 75
6 - La donazione da parte della Camera di Commercio e le finalità didattiche e di sperimentazione da essa indicate 77
7 Allegati 81
8 Protagonisti 123